I profumi del vino

I profumi che sentiamo nel vino dipendono dalla presenza di sostanze volatili odorose, appartenenti a diverse famiglie chimiche. Il criterio che si usa per identificare questi odori è il più semplice e antico, ovvero per analogia, cioè per somiglianza con odori di fiori, frutti, spezie o altri prodotti, alimentari e non, conosciuti. Tali associazioni non sono arbitrarie: attraverso processi di microanalisi sono stati effettivamente individuati nel vino i costituenti reali dei profumi designati per analogia. Disponiamo oggi di classificazioni mediante le quali si è tentato di classificare gli odori comunemente riscontrati nei vini: ad esempio il profumo di floreale comprende i sentori di biancospino, rosa, iris, acacia, geranio, fiori d’arancio, gelsomino, ginestra, tiglio; quello di vegetale i sentori di erba, fieno tagliato, menta, salvia, humus, foglie morte; quello di fruttato i sentori di albicocca, ananas, lampone, mora, prugna, pera, limone frutti esotici ecc…

Riconoscere la natura dei profumi del vino

Risultati immagini per profumo vino

L’età del vino. In linea di massima vale la seguente regola: nel corso dell’evoluzione dei vini gli aromi si succedono seguendo un ordine, che in qualche modo, rispecchia una gerarchia propria del mondo naturale. Aromi leggeri e freschi di fiori prima, poi di frutti freschi, virando verso sentori di frutta matura e confettura, in seguito di frutti secchi. Via via che il vino matura possono dominare i profumi vegetali intensi e quelli delle spezie dolci per giungere, nei vini invecchiati, a bouquet dove le note dominanti sono date da profumi speziati, balsamici, di torrefazione, di fiori secchi, di legno. 

Bianchi e rossi. Quanto alle differenze fra i profumi dei vini bianchi e di quelli rossi, vale una regola generale che può avere delle eccezioni: si constata spesso che gli aromi dei fiori bianchi e gialli dominano nei vini bianchi, quelli dei fiori rossi nei vini rossi. Ugualmente, nei bianchi prevalgono i profumi dei frutti a polpa chiara (dalla pesca all’albicocca), nei rossi i profumi dei frutti a polpa rossa (dalla ciliegia ai piccoli frutti di bosco). I vini bianchi giovani richiamano maggiormente i fiori bianchi (biancospino, fior di vite..). I vini bianchi complessi, i fiori gialli (tiglio, acacia, ginestra…), cui si aggiungono i frutti (mandorla, nocciola, pesca). I vini rossi giovani hanno carattere fruttato (frutti rossi e di bosco). I vini rossi maturi invece perdono progressivamente il fruttato fresco e compaiono le spezie, la liquirizia, il sottobosco. I vini rossi invecchiati acquistano sentori animali, balsamici e di torrefazione. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *